sabato 22 settembre 2018

MAMMA E PAPA': DUE SPECCHI IN CUI GUARDARSI

Proseguo qui a riportare spunti di riflessione proposti nei miei incontri coi genitori.
Mi è stato chiesto di raccontare la complementarietà di mamma e papà, nella funzione genitoriale.
Sono arrivata quindi a questo punto-gioco con uno specchietto portatile, di quelli che si aprono e hanno due facciate riflettenti: così aperto, l'ho appoggiato su di un tavolino e, nel mezzo, a rispecchiarsi, ho posto un piccolo omino dei lego. (A casa mia spuntano come funghi).
Sapete chi sono questi due specchi?
Ho esordito con questa domanda.
Sono la mamma ed il papà.
Il bambino ci si specchia dentro, e siccome sono due angolazioni diverse, rimandano due immagini lievemente differenti che, come figlio, avrò il compito di integrare, come un esercizio ortottico di convergenza, per farmi una immagine unitaria di me.
Innanzitutto quello che mi ritorna, con due genitori "sufficientemente buoni", sono due sguardi amorevoli: certo si arrabbiano, certo hanno dei limiti, ma sostanzialmente non sento mancare l'affetto. Se sono amato, se sento questo sguardo benevolo su di me, non devo essere malaccio. Qui nasce la fiducia di base.
Facciamo qualche altra riflessione su questi due specchi e sul bambino che vi si riflette?
Potremmo chiederci che tipo di specchio siamo.
Questo dipende dalla storia di ciascuno, da che genitori abbiamo avuto, da che figli siamo stati. Naturalmente ci saranno differenze tra i due genitori: allora la prima cosa importantissima è NON SVALUTARE AGLI OCCHI DEL BAMBINO l'immagine che l'altro genitore gli restituisce. Altrimenti gli accresciamo la difficoltà nel suo esercizio di convergenza, vi pare?
Come dice la Maioli Sanese, non così è importante se i due genitori portano due gerarchie valoriali diverse: ad esempio con la mamma si mangia a tavola, col papà si può stare sul divano a guardare la TV mentre si mangiano schifezze. O viceversa. Il bambino se ne fa una ragione, si riesce ad orientare tra queste differenze. Ma non si capacita se un genitore svaluta l'altro. E' come annullare uno dei due specchi. E' ridurre la prospettiva da 360 gradi a 180. Il bambino risulta psicologicamente amputato nell'immagine che si sta costruendo di sé. E' come avere metà dei pezzi di lego per fare una costruzione: rimarrebbe incompleta.
Potremmo anche chiederci che tipo di immagine restituiamo.
Per il figlio è importante sapersi pensato, (funzione riflessiva di Fonagy) questo dà la possibilità di percepire la continuità della propria identità attraverso i cambiamenti.
Ora sappiamo dalle ultime scoperte scientifiche che è ancor più di pensato: ogni nostra cellula, tutto il nostro corpo e non solo il cervello lo ha dentro, lo conosce. Qui si intravede il dna, la storia, non è solo la somiglianza fisica o di carattere: è il legame, che è più dell’essere pensato.
Ritornando all'immagine dei due specchi, chiediamoci cosa fa con la mamma? Cosa fa col papà? Il l bambino “si impara” attraverso il nostro corpo. Il corpo del papà, il corpo della mamma. Sono due esperienze diverse, perché sono due corpi diversi che si muovono diversamente. (Anja Witowska) Così il bambino conosce e si conosce per somiglianza e per differenza: il corpo della mamma è diverso dal corpo del papà, la storia del figlio con i due corpi è diversa. In più non è uguale se sono mamme di maschi o di femmine, papà di maschi o di femmine e chi ha figli sia maschi che femmine lo sa e per questo è importante ascoltare la loro esperienza. Infatti secondo Bollea (ma anche, in particolare, Vittorio Volpi) è importante che il bambino si identifichi nella immagine che gli restituisce il genitore dello stesso sesso, proprio perché è femmina come lei, o maschio come lui. Questo sembra mettere in secondo piano il genitore di sesso opposto, invece questi ha un ruolo particolare ed insostituibile, perché risulta il testimone più vicino del processo di identificazione e dunque colui o colei che più di chiunque altro può sostenere o interferire in questo delicato percorso. 

Ma è così difficile a volte, quando ci sono delle divergenze...
Vero: la differenza di storia personale può richiedere una fase laboriosa di accordo sulla linea educativa, e può comportare talvolta divergenze. Ma ora vi propongo una chiave di lettura sulle divergenze: se i due genitori percepiscono una situazione o comportamento del figlio in modo differente, si può ipotizzare la compresenza di emozioni differenti portate dal figlio e registrate ciascuna rispettivamente dai due "specchi". Ovvero la mamma dà voce alle une, il papà alle altre. Un conflitto interiore, insomma, che viene manifestato proprio da questa funzione riflettente dei due genitori.
La cosa comune dei due genitori però, è che per via del loro amore, dunque della loro capacità di sentire o sensibilità, colgono gli stati d'animo (anche contraddittori) del figlio, anche se lui non li dice (o non li sa dire, o teme di dirli).
L'unione anche in questo caso fa la forza!




domenica 2 settembre 2018

UNA FIABA PERCHE'

E'il titolo del mio nuovo libro che raccoglie tutte le fiabe inventate d me, nel tempo, per le famiglie che sono venute a trovarmi con i loro piccoli grandi problemi.
E' il titolo dell'incontro che ho tenuto alla scuola dell'infanzia di Rogeno, la scorsa stagione: voglio condividere qui con voi gli spunti su cui abbiamo riflettuto assieme...

Le fiabe sono da sempre servite come strumento pedagogico, educativo, perché le fiabe educano: a cosa? a RICONOSCERE le emozioni. Lo sapevate che la regolazione delle emozioni si interiorizza nei primi trenta mesi di vita? Ecco perché se racconto le fiabe con regolarità ai miei figli, magari nel rito della buonanotte, li aiuto ad acquisire questa capacità.

E’ importante questa cosa che ci sforziamo di CAPIRE le emozioni di nostro figlio, che cerchiamo di SINTONIZZARCI con lui. Questa cosa è faticosa (sono mamma di adolescenti, yeah) -ciononostante è una fatica inclusa nel pacchetto genitori, ma vi dico che fare questa fatica solleva da molte altre!!!
Gli studiosi americani (mi riferisco a Daniel Siegel su tutti) usano spesso questa parola, CONNETTERSI. Connettersi con le emozioni di vostro figlio ve lo rende più comprensibile, non è detto che risolva le cose ma lo aiuta a SENTIRVI VICINI, a SENTIRSI VISTO. 
A volte sentirsi visti non è piacevole, come passare davanti allo specchio spettinati o appena alzati: abbiamo una reazione di orrore, di rifiuto!
Ho visto che le fiabe parlano di queste emozioni in modo gentile, sono uno SPECCHIO GENTILE,
perché io bambino posso scegliere di credere che quello che sto vedendo non sono io, se non ce la faccio a reggere la vista... intanto, piano piano, imparo a familiarizzare con quella emozione: non ne vengo più sopraffatto, so come si chiama! So anche che passa!
Le emozioni sono il motore del comportamento, come i bisogni. Se nomino l’emozione, se la riconosco, riesco a spiegare il comportamento: gli americani dicono " name to tame" cioè nomino per addomesticare. Questo concetto l'ho raccontato nella fiaba di Parolandia, nella introduzione al libro "sentimenti a scuola".
La fiaba si può quindi considerare come un LABORATORIO DI SENTIMENTI, dove, immedesimandosi nel protagonista, ci si può identificare per interposta persona nella vicenda emotiva e contattare paura, rabbia, tristezza, vergogna… per sapere che alla fine c’è lo stupore e la gioia. E questo permette di non farsi travolgere dall'emozione. Permette di SPERARE. E quindi di poter affrontare le difficoltà.

Prova a chiederti quale fiaba piace di più a tuo figlio ora: possiamo intuire quale emozioni sta cercando di rielaborare grazie a questa fiaba? 
Ogni fiaba ha una struttura di base: protagonista/evento critico/risorse-risoluzione/lieto fine. Anche ogni evento della nostra vita ha questa struttura, ci avete fatto caso?
Spesso uso questa metafora del labirinto: ogni volta che dobbiamo affrontare una difficoltà e non sappiamo come uscirne, è come se fossimo dentro un labirinto. La fiaba è un po' come un filo di Arianna per superarlo... Noi genitori abbiamo attraversato questi "labirinti emotivi" prima dei nostri figli, possiamo offrire questo a loro: oltre al cibo, alle cose che servono, gli offriamo la nostra esperienza. Possiamo quindi anche raccontar loro qualche episodio di come abbiamo fatto noi, ad imparare a gestire la rabbia, la paura, la tristezza, la vergogna... 
Eh già. 
Anche noi forse non sempre riusciamo a gestire al meglio queste emozioni, vero?
Si tratta delle parti più antiche del cervello, che a volte mettono fuori uso la parte più evoluta, ovvero la corteccia prefrontale: la parte razionale. Ma pensate che questa parte del cervello si sviluppa pienamente solo dopo i 18 anni! Ecco che ci tocca fare da corteccia prefrontale anche a nostro figlio, finché non ce l'ha lui di suo, ben funzionante!

Quando scegliamo una fiaba da raccontare a nostro figlio, è perché lo VEDIAMO, in quale labirinto si sta dibattendo. Questa esperienza del SENTIRSI VISTI non la può offrire nessuno strumento tecnologicamente avanzato. 
Quando vostro figlio si sente visto da voi... non ha prezzo.
Ecco perché, vale la pena di leggergli proprio quella fiaba che parla, gentilmente, delle sue battaglie interiori.
Perché siamo dalla sua parte.





martedì 28 agosto 2018

Limiti che Liberano

Mi piace questo titolo paradossale, vorrei farci un laboratorio di movimento per genitori e figli...!
Intanto ci ho fatto una serata coi genitori dell'ABIBO' di Erba, lo scorso maggio: di seguito riporto le 
suggestioni su cui abbiamo lavorato.
Intanto c'è una PREMESSA: IL GENITORE CONSAPEVOLE dei propri limiti (e risorse) risulta essere
 il dato predittivo migliore del benessere del figlio. 
Ora il discorso del limite richiama subito quello dei NO, quindi ci chiediamo: quali no diciamo? Perché?

- Esistono i no per la sopravvivenza (ne va della sicurezza, della vita!): su questi siamo tutti ferrati, 
decisi, irremovibili ed efficaci
- ed esistono i no che diciamo "per vivere bene": questi, se ci pensiamo bene, hanno a che fare con ciò 
che noi riteniamo importante, definiamoli pure i valori della nostra famiglia (ad esempio il cenare
 assieme) Questo ci porta a riflettere sulla nostra gerarchia di valori e di conseguenza a scegliere le 
nostre battaglie per sostenerli e trasmetterli. Scegliere le battaglie importanti, certo: su altre potremo
tralasciare, non si può stare sempre in atteggiamento battagliero...!!!
Qui però c'è già un corollario interessante: la regola  che diamo ai figli è di fatto una comunicazione su
quello che abbiamo capito della vita, riguarda un valore in cui crediamo e che vogliamo difendere e
trasmettere loro. Questa comunicazione è importante per la costruzione dell'identità del figlio: "ti dico 
chi siamo e quindi chi sei tu, a chi appartieni".

La ricerca mostra che i bambini si sviluppano in modo ottimale quando stabiliamo i limiti come 
necessari, ma lo facciamo con empatia: questo permette loro di interiorizzare il limite. 
I bambini hanno bisogno di limiti appropriati, ma è il modo in cui lo fai che conta.
 fissare i limiti con empatia significa che tu:
- Inizi con una connessione forte e solidale con tuo figlio in modo che sappia che sei dalla sua parte.
- Guardalo dal suo punto di vista e offri una genuina empatia che possa provare, mentre fissi il limite.
E' INUTILE RAGIONARE NEL MOMENTO "RETTILIANO", ovvero quando nel figlio ha il 
sopravvento quella parte di cervello più istintiva ed emotiva. SPIEGHI DOPO QUANDO SIETE 
CALMI. ENTRAMBI.
- Resisti alla tentazione di essere punitivo in alcun modo. L'impostazione del limite insegna la lezione. 
Qualche cosa di più fallisce. (premi e punizioni sono pericolosamente legati alla prestazione e quindi al 
malinteso che “sono amato solo se faccio quello che ti aspetti da me”)
- Guarda la sua vita dal suo punto di vista e imposta solo i limiti che devi veramente impostare, in modo
 che la sua vita sia più legata alla connessione e alla scoperta piuttosto che ai limiti e alla frustrazione. 
Dire no troppo spesso mina la tua relazione. 
Faccio un esempio.
C'è una mamma che era venuta a dirmi: "a mio figlio dico sempre di seguire la sua creatività, ci 
tengo che sia creativo (valore): ma ieri mi ha dipinto tutto il suo triciclo col pennarello nero e l'ho 
sgridato!" Capite la comunicazione contraddittoria? Cosa può fare questo bambino? Quali valori della 
mamma in realtà entravano in conflitto? La creatività è un valore, ma i giocattoli in ordine anche. Forse 
questa mamma deve fare una gerarchia tra questi suoi due valori!

Impostare i limiti significa che a volte impedirai a tuo figlio di fare qualcosa. 
Ma se lo fai come punizione, si bloccherà nell'ingiustizia e si arrabbierà con te, e la lezione sarà persa. 
Se invece dici solo "è stato troppo difficile per te smettere di lanciare la sabbia, ma lanciare la sabbia fa
male alle persone, quindi siamo dovuti andare via; presto imparerai a fermarti quindi possiamo restare e
giocare di nuovo domani". In questo modo tuo figlio sarà ancora sconvolto dal fatto che sia dovuto
andarsene, ma ti vede come dalla sua parte e vede la prossima volta dello stare al parco come dentro
il suo potere.
L'impostazione dei limiti NON è la stessa della punizione.

LIMITARE I COMPORTAMENTI, PERMETTERE LE EMOZIONI
Vai a guardare il bisogno o l'emozione sottostante il comportamento di tuo figlio: l'emozione è
sempre il motore del comportamento. E' forse paura? Rabbia? Frustrazione? Ansia? Scoraggiamento?
Vergogna? Esasperazione? questo ti aiuta a capire cosa è in grado di gestire.
E' naturale per il bambino provare rabbia e delusione quando stabiliamo un limite. Il nostro compito è
ACCETTARE QUEI SENTIMENTI E AMARLO LO STESSO. Più lo facciamo, meno è travolto
dai suoi sentimenti, e meno fa i capricci. (che quindi son sentimenti fuori controllo)
Se non possiamo tollerare la sua rabbia e tristezza- in altre parole, quando la sua reazione-limite non 
incontra empatia - impara che parte di ciò che lui è, è inaccettabile; che ci sono momenti in cui è da
biasimare e, per di più, completamente solo.
Come in ogni emozione non riconosciuta, la rabbia e la tristezza non svaniscono, vanno nel sottosuolo, 
dove sono amplificate e seminano i semi della depressione.
Quindi: FISSIAMO IL LIMITE E RISPONDIAMO CON EMPATIA A LORO CHE NON
GRADISCONO IL LIMITE!

Se i genitori sono in grado di formire un "ambiente di contenimento" emotivo, rafforzando nel
contempo il limite, il bambino ha la libertà di scagliarsi contro il limite, di piangere e di piangere per
questo, e infine di ACCETTARLO E ANDARE AVANTI.
Andare avanti consiste nel lasciare andare quel percorso e trovare un altro percorso accettabile, ad
esempio: "Non posso giocare con Marta in questo momento; la vedrò domani". Sono limiti fermi
accompagnati da empatia che permettono ai nostri figli di provare le loro piene reazioni ai limiti e di
SUPERARLE.
Il bambino impara che il mondo E' DAVVERO pieno di ostacoli ai suoi desideri, si addolora ma poi
va avanti,cercando un altro modo per sentirsi meglio. Inoltre non è lasciato senza speranza e 
depresso, il che è ciò che accade con l'impostazione autoritaria dei limiti, che lo fa sentire 
semplicemente una cattiva persona.
Impara che non riesce sempre a farsi strada, ma OTTIENE QUALCOSA DI MEGLIO: qualcuno
che ama e accetta l'intera gamma delle sue emozioni. Questa considerazione diventa il nucleo
di una autostima positiva e stabile.
Apprende anche che può tollerare la sua rabbia e la sua infelicità e sentirsi meglio dopo.
In questo vediamo l'inizio della resilienza, dal momento che considera altre linee d'azione.
"Non posso avere la festa di compleanno al circo perché non possiamo permettercelo. Ho
pianto tutto il giorno ieri. Ma mamma e papà sembrano capirmi, forse mi aiuterebbero a
progettare una festa di calcio nel parco."

AIUTIAMOLO A MISURARSI COI LIMITI. Lasciarlo attraversare la fatica di trovare una 
soluzione alternativa, gli darà una impagabile sensazione di efficacia e padronanza. 
Di libertà.






martedì 19 giugno 2018

LE FIABE COL GUSCIO EDITE DA BONACCORSO!



 Finalmente, ragazzi: ce l'abbiamo fatta!
Ora potete chiedere in libreria o ordinarlo direttamente dall'Editore http://www.bonaccorsoeditore.it/


Ho cominciato a girare nelle librerie o posti dove mi invitano per presentarlo, se volete posso organizzarmi e venire anche nella vostra zona! Basta che mi scrivete: elena.rovagnati@teletu.it o mi telefonate, 3356344104.
Nella presentazione mi piace raccontare anche di come ciascuna fiaba è nata, e per chi: questo offre lo spunto per chiacchierare su temi e strategie educative, e confrontarsi con genitori, insegnanti, educatori.
Vi terrò aggiornati sulle prossime presentazioni! 

mercoledì 31 gennaio 2018

RABBIA - COME GESTIRLA

La verità sulla rabbia è che si dissolve solo quando è stata realmente ascoltata e compresa, senza riserve - Carl Rogers

Molti genitori mandano il bambino arrabbiato nella sua stanza "per calmarsi". Dopotutto, che altro possono fare? Di certo non possono ragionarci assieme, quando lui o lei sono furiosi. Non è certo il momento di impartire lezioni o esigere scuse. Hanno bisogno di calmarsi.
Se mandiamo il nostro bambino arrabbiato nella sua stanza, alla fine si calmerà. Avrà anche ricevuto alcuni messaggi chiari:

  • Nessuno sta ascoltando cosa ti sta turbando.
  • Nessuno ti aiuterà a risolvere il problema che stai vivendo.
  • La rabbia è cattiva
  • stai male perché ti arrabbi con noi
  • La tua rabbia ci spaventa
  • Sei da solo quando si tratta di gestire quei grandi sentimenti spaventosi in modo responsabile
Nessuna meraviglia che così tanti di noi sviluppano modi di gestire la rabbia che durano fino nell'età adulta, che può significare urlare ai nostri figli, diventare isterici col nostro partner, o mangiare in eccesso per evitare di riconoscere la nostra rabbia.
Cosa possiamo fare, invece?
Possiamo aiutare i nostri figli a gestire responsabilmente la loro rabbia. La maggioranza di noi fatica ad immaginarsi cosa possa voler dire. Abbastanza semplicemente, la gestione responsabile della rabbia incomincia con accettare la nostra rabbia. C'è sempre un modo di esprimere ciò di cui abbiamo bisogno senza attaccare l'altro.

Infatti, se riusciamo a fermarci per notare i sentimenti più profondi sotto la nostra rabbia, troviamo dolore e paura e tristezza. Se ci permettiamo di provare quelle emozioni, la rabbia si dissolve. Era solo una reazione difensiva.
Ecco una serie di cose che come genitore puoi fare:
  1. rimani lontano dall'entrare in modalità "attacco o fuga" facendo alcuni respiri profondi e ricordandoti che non c'è una immediata situazione di emergenza. questo regola la dimensione emotiva e aiuta tuo figlio a sentirsi al sicuro, in modo da uscire lui stesso dalla modalità "attacco o fuga"
  2. Ascolta. Riconosci il motivo per cui tuo figlio è turbato. Spesso, quando le persone non si sentono ascoltate, alzano la posta. Di contro, quando tuo figlio si sente compreso, inizierà a sentirsi più calmo.
  3. Cerca di vedere la cosa dal suo punto di vista. Più riesci ad essere empatico, più facilmente tuo figlio troverà la strada verso le lacrime di tristezza e paura sotto la rabbia: "oh tesoro, mi spiace che sia così dura per te... stai dicendo che non ti capisco mai... devi sentirti terribilmente solo". Non devi essere d'accordo, e nemmeno il contrario. Semplicemente riconosci la sua verità del momento. Una volta che si sente ascoltato/a, questa si modificherà.
  4. Non lasciarti impigliare negli attacchi personali. I genitori si sentono spesso feriti quando i figli gli urlano di tutto. Ma tuo figlio non ti odia davvero, né vuole un'altra mamma o un altro papà, o qualsiasi cosa stia urlando. Si sente ferito e spaventato e impotente, così tira fuori la cosa più terribile che possa pensare, per farti sapere quanto sta male. Prova a dire solamente "accidenti, devi stare proprio male per dirmi queste cose. Dimmi perché stai così male, ti ascolto." Non è che tuo figlio si stia comportando male, sta mostrandoti nel miglior modo che può come si sta sentendo. Facendolo provare a te. Nel momento in cui si rende conto che non ha bisogno di alzare la voce o attaccarti per essere ascoltato, e che va bene mostrarti le sue emozioni e la sua vulnerabilità, svilupperà la capacità di esprimere i suoi sentimenti in modo più appropriato.
  5. Stabilisci i limiti che sono necessari perché nessuno si faccia del male, mentre riconosci la rabbia e rimani empatico."puoi essere furioso quanto vuoi, ma darmi i pugni non va mai bene. Puoi pestare i piedi per mostrarmi quanto sei furioso".
  6. Se tuo figlio sta avendo una crisi di rabbia, non parlare tranne che empatizzare e rassicurarlo che è al sicuro. Non cercare di insegnare, ragionare o spiegare. Quando è travolto dall'adrenalina e altre reazioni di attacco/fuga non è il momento di spiegare perché non può avere ciò che vuole, né di costringerla ad ammettere che vuole bene veramente a sua sorella. Il tuo compito in questo momento è di calmare la tempesta. Semplicemente, riconosci quanto stia male: "sei così arrabbiato per questo, mi spiace che sia un momento così duro per te".
  7. Ricordati che le crisi sono la via in cui la natura aiuta i cervelli immaturi a scaricare. I bambini non hanno ancora i circuiti neuronali della corteccia prefrontale per controllarsi come noi facciamo. (e per favore prendete nota che anche noi, pur adulti, non sempre regoliamo molto bene la nostra rabbia!) Il modo migliore per aiutare i bambini a sviluppare quei circuiti neuronali è offrire empatia, mentre sono arrabbiati e in altri momenti. Va bene esprimere quei sentimenti intricati, rabbiosi, dolorosi. Dopo aver supportato un bambino nella sua crisi, si sentirà più vicino e fiducioso nei nostri confronti. Non sarà più così rigido e richiestivo.
  8. Ricorda che la rabbia è una difesa contro la minaccia. Qualche volta la minaccia è esterna a noi, ma di solito non lo è. Spesso vediamo minacce attorno a noi perché ci portiamo in giro vecchie emozioni come dolore, paura o tristezza. A volte serve un pretesto per sfogare vecchi conti.
  9. Rendi possibile per tuo figlio il superare la rabbia. Se si sentono legittimati ad esprimere la loro rabbia, e noi incontriamo quella rabbia con compassione, la rabbia inizierà a sciogliersi. Così mentre accettiamo la rabbia di nostro figlio, sono le tristezze e le paure dietro quella rabbia che svaniscono, perché una volta che tuo figlio può esprimere quei sentimenti più vulnerabili, la rabbia non è più necessaria come difesa.
  10. Stai più vicino che puoi. Tuo figlio ha bisogno di un testimone che lo accetti, che lo ami persino quando è arrabbiato. Se hai bisogno di scansarti per non farti colpire, digli "non ti permetterò che tu mi faccia del male, mi sposto un poco ma sto qui. Quando sarai pronto per un abbraccio, io sono proprio qui"


(tratto e tradotto dal sito Aha- parenting)



martedì 19 dicembre 2017

Regali di Natale

Sì ci avete già pensato, a quest'ora... oppure siete affezionati alla corsa dell'ultimo momento? Oppure, ancora, avete un istintivo rifiuto e però vi sentireste in colpa, se non pensaste a qualcosina per tutti? Ecco, "è il pensiero che conta" ha il suo fondo di verità: vi racconto di qualcuno di questi pensieri, dei pensatori e dei relativi destinatari, con un articolo che tempo fa pubblicai per Pillole di zucchero, (perché sono molto affezionata a questo articolo).

I DONI CHE PREFERISCO – di Elena Rovagnati

Nel mio immaginario natalizio ci trovate, in ordine sparso:
- la canzone del film “tutti assieme appassionatamente”, quella che, in inglese, parla delle “cose che preferisco” (“my favourite things”);
- le statuine del presepe di mio nonno Antonio: i maiali, in particolare, sono i più venerati perché ultracentenari;
- il racconto della mattina di Natale delle sorelle March, nel famoso “Piccole donne” della Alcott (così capite più o meno quando si colloca cronologicamente la mia infanzia!).
Poi, da quando sono diventata mamma, la lista si è arricchita:
- la carota per le renne e il caffè d’orzo per Babbo Natale fuori dalla porta;
- i regali per i bambini, nascosti a casa di mia mamma fino a notte inoltrata;
- il filmino, tutti assieme, la mattina quando si spacchettano i doni.
Frullate il tutto, assieme ad un pizzico di trascurabile goffaggine e vi si pareranno davanti le seguenti scenette tratte dai ricordi di anno scorso:

La prima, vede come protagonisti la psicologa e i suoi tre figli, andare all’Istituto Medea di Bosisio Parini per raccontare una fiaba ai bambini ricoverati durante le vacanze di Natale.
(Se ravvisate qui quella mia insana tendenza a fare degli innocenti esperimenti coi miei figli, potreste aver ragione).
Ci chiamiamo la Compagnia dell’Angelo. Perché raccontiamo la storia dell’angelo, quello che nel presepe sta proprio sopra la capanna. Avete presente?
I tre figli hanno ruoli ben distribuiti: Federico (lo conoscete già) è il tecnico del suono; Emma (scuola primaria) danza con me gli intermezzi della fiaba; Francesco (medie) ci guarda, tutti, scettico.
E’ il suo ruolo. Gli sta a pennello.
Alla fine della fiaba una mamma mi si avvicina e mi abbraccia: mi porto a casa questo dono. Decisamente il mio preferito.
Emma invece conta le caramelle che ha ricevuto come ricompensa e poi mi chiede se Francesco ne ha ricevute tante quanto lei, pur non avendo contribuito altrettanto allo spettacolo. E’ fatta così, ha un forte senso della giustizia retributiva. Parte, prevedibile, una escalation fulminea di accuse e controaccuse col fratello : per fortuna siamo in macchina già sulla strada del ritorno, non posso sprofondarmi più di tanto nel sedile, sto guidando.

La seconda scenetta: siamo a casa a preparare le ultime cose per la festa, vedo Emma partire in quarta e indaffarata cerca, raccoglie, taglia, dipinge, incolla.
Che stai facendo?
Un regalo per Franci. E un biglietto: “Caro Franci, questo è il mio regalo di Natale per te che sono la tua sorella che ti vuole bene lo stesso anche se tu a volte mi fai proprio arrabbiare”. Riesco a sbirciare.
Vedo anche Franci attivarsi in silenzio e incartare oggetti misteriosi. Evidentemente conosce bene i gusti di sua sorella, perché raccatta, dagli angoli più trascurati della casa, le cose più kitsch che sopravvivono ai miei raid (molto sporadici) di feng-shui dei cassetti.
Federico, col suo aplomb quasi inglese, distribuisce pratici consigli ai fratelli, mentre prepara sommariamente i suoi regali. Per i fratelli.
Cosa ho innescato? Non faceva parte del mio esperimento, la cosa mi è sfuggita di mano!
Li apriranno la mattina di Natale, assieme a quelli che hanno ufficialmente richiesto (non tutti, la lista è stata sfrondata all’osso!).
Ma sono DECISAMENTE i doni che preferisco.
Chissà se anche i miei figli la pensano come me…


venerdì 4 agosto 2017

Parlare al cervello limbico dell'adolescente. Provarci, almeno

Yes sono madre di adolescenti.
Avete presente i luoghi comuni sull'adolescenza? Ok sarebbe troppo facile. E inutile. Ho deciso invece di confrontarmi con questa esperienza che la mia amica di Facebook Alison Smith coraggiosamente racconta (ma perché è finita bene, eh! Lei è una coach!)
Non è facile, ma è quanto molti esperti di oltreoceano (Dan Siegel in testa) sostengono sia utile: parlare al cervello emotivo, non a quello razionale. Partire dalle nostre emozioni, esserne consapevoli. "Il fattore predittivo più affidabile per il benessere di un figlio è la consapevolezza del genitore" dicono gli esperti.
Ora che ci penso farò il prossimo post sugli esercizi di consapevolezza per genitori.
Adesso la storia di Alison:
"Mia figlia ha cominciato a comportarsi male. Dopo diverse ore di irritabilità , ne avevo abbastanza di essere trattata come un sacco da boxe. Ho dovuto combattere l'impulso di prenderla sul personale. (Perché sentirsi calpestata riguardava me, il suo umore riguardava lei) Eppure ero così vicina a chiederle: "Qual è il tuo problema in definitiva?" Semplicemente dalla frustrazione. Garantisco che veramente volevo sapere quale fosse il problema - in modo da poterla aiutare a trovare una soluzione - ma il mio tono irriverente non avrebbe invitato ad uno scambio amorevole. Così, invece, ho preso un respiro lento e ho espirato ancor più lentamente; per dare al mio sistema nervoso il messaggio che tutto andava bene. "Non esiste alcuna emergenza qui: il suo comportamento è solo quello che vedo in superficie", mi ricordai. "Che bisogno potrebbe comunicare?"
Ora che ero pronta per esserle effettivamente utile, ho detto di come avessi notato che sembrava fuori di sé. E di come non agisse da lei. (Nessuna colpevolizzazione. Non parliamo di scelte migliori che avrebbe potuto fare.) Chiesi se sapesse che cosa la preoccupava. E aspettai che lei accettasse l'invito a parlare.
Indovinate un po'? Non mi è tornata indietro alcuna mancanza di rispetto. Nessuna rispostaccia o occhi al cielo. Solo un rilassamento delle spalle. "Non lo so, mamma" disse con tristezza nella sua voce. Ah sì. Questo riguardava lei. Sta lottando con qualcosa.
Non importa davvero quale sia il problema. (Questo potrebbe essere un momento come tanti negli ultimi anni.) E il mio consiglio certamente non fu sconvolgente. Infatti, probabilmente non ne ho nemmeno dato nessuno.
Quello che ho voluto condividere con voi ora è l'immenso potere del rapporto che creiamo con i nostri figli. Accettando di supporre che non mi stava disapprovando (anche se fosse stato), sono stata in grado di incontrarla con curiosità e compassione piuttosto che mettermi sulla difensiva.
Stava davvero avendo un momento difficile, non voleva crearne uno a me.
Mantenere la nostra comunicazione aperta e la nostra relazione collaborativa, mi ha aiutato ad aiutarla. In quel momento, avremmo potuto facilmente scollegarci a causa di sentimenti agitati. Invece, ci siamo avvicinate."

Se volete dare un'occhiata all'egregio lavoro di Alison, ecco il link:
www.alisonsmithcoaching.com


questa immagine è tra le vincitrici del concorso UnicaLara 2014 concorso UnicaLara